QUOTIDIANO EUROPEO

Il primo quotidiano online sulle opportunità in Europa per gli italiani

LightBlog

martedì 14 settembre 2021

Accordo Politecnico Leopoli Ucraina




Il Magnifico Rettore Prof. Giovanni Neri ha definito il rinnovo dell'accordo stretto il 24 febbraio che vede lavori fino il 2025, “Un grande abbraccio tra paesi e popoli lontani”. L'accordo accademico bilaterale di collaborazione tra l'Università Popolare degli studi di Milano e il Politecnico di Leopoli in Ucraina ci mostra l'importante ruolo che l'ateneo Milanese svolge nella diffusione della cultura in ambito internazionale. Non solo quindi scambi di cultura con i paesi dell'Unione ma profonda connessione anche con una parte d'Europa che ancora ne è fuori. 

L'accordo bilaterale con L'Università di Leopoli, riguardante le facoltà di Sociologia, giurisprudenza, economia ed ingegneria fa seguito a quanto già sottoscritto l'anno scorso dal rettore dell0Università Popolare, tale accordo rimase sospeso a causa della pandemia da Covid 19. Il rettore ha affermato: “Grazie agli strumenti già in possesso da tempo dalla nostra Università, siamo in grado concretamente e realmente di erogare cultura a tutti. La nostra formazione online, ci permette di svolgere, nonostante le difficoltà causate dalla Pandemia, un lavoro capillare e di qualità in questo ambito, anche a livello internazionale. Grazie al nostro tipo di didattica non abbiamo dovuto improvvisare o reinventarci con metodi diversi, poiché in questo tipo d'insegnamento siamo stati dei pionieri e abbiamo la possibilità di utilizzare competenze e tecnologie all'avanguardia che ci consentono di stringere in un grande abbraccio realtà culturali e formative dei più diversi e distanti paesi”.

L'accordo è stato firmato dal Rettore Magnifico prof. Avv. Giovanni Neri e dal vicerettore Chukrai.

L'università Popolare di Milano prosegue dunque con maggior vigore il suo secolare percorso di diffusione del sapere, ponendosi, ancora una volta in prima fila in un processo di inclusione ed ampliamento degli spazi culturali internazionali.

www.unimilano.net

Nessun commento:

Posta un commento

LightBlog