QUOTIDIANO EUROPEO

Il primo quotidiano online sulle opportunità in Europa per gli italiani

LightBlog
LightBlog

martedì 1 agosto 2017

Niente più IVA sugli assorbenti: TESCO dà lezione di civiltà all'Europa


La catena di supermercati britannica Tesco – che è anche una  delle più grandi del paese – ha deciso di tagliare del 5 per cento il prezzo di un centinaio di prodotti sanitari femminili, compresi gli assorbenti. Lo ha fatto venendo incontro a attiviste e femministe che l'avevano chiesto sottolineando che gli assorbenti sono prodotti di prima necessità. 




Non vi fare ingannare: il 5 per cento corrisponde all’IVA su questi prodotti, ma solo in Inghilterra (in Italia è del 22 %!). Di fatto quindi Tesco pagherà l’IVA su certi prodotti al posto delle sue clienti, venendo incontro alle richieste di attiviste e femministe di azzerare l’IVA su prodotti di prima necessità come gli assorbenti.

Peccato che in Italia le donne continueranno a pagare il 22% di iva allo Stato ( non il 5% come nel Regno Unito) per un prodotto di prima necessità!

In Italia, Possibile, il partito di Giuseppe Civati, aveva depositato nel gennaio del 2016 una proposta di legge per la riduzione dell’aliquota al 4 per cento, dal 22 attuale. La proposta non è stata però ancora messa in discussione. Evidentemente è qualcosa che non interessa circa il 50 % dei nostri parlamentari. 
Nel 2000 il Regno Unito aveva abbassato l’IVA sui prodotti sanitari femminili dal 17,5 al 5 per cento e nel 2015 la deputata laburista Paula Sherriff aveva proposto di intervenire ulteriormente portandola dal 5 allo 0 per cento. La proposta era stata però bocciata per non andare contro le direttive sull’IVA dell’Unione Europea in base alle quali gli stati membri possono ridurre ma non azzerare l’Imposta sul Valore Aggiunto su determinati prodotti. Dal 2015 il Canada ha eliminato del tutto la tassa su tamponi, assorbenti e coppette mestruali, lo stesso anno in Francia le imposte sono state abbassate dal 20 al 5,5 per cento. Qualche mese fa in Scozia è stato avviato un progetto per distribuire gratuitamente assorbenti (e altri prodotti intimi) a donne e ragazze di famiglie a basso reddito. 

Nessun commento:

Posta un commento

LightBlog