QUOTIDIANO EUROPEO

Il primo quotidiano online sulle opportunità in Europa per gli italiani

LightBlog

mercoledì 9 agosto 2017

Kazakistan: accuse di sessismo per le hostess nude. Ecco come risponde la compagnia

"Non importa che se ne parli bene o male, l'importante è che se ne parli.", diceva Oscar Wilde a chi lo importunava parlando della sua vita al di fuori dei canoni comuni. 
E ancora  "Qual è la differenza tra uno scandalo e un pettegolezzo?.
A questi due motti di spirito deve averci pensato anche la compagna aerea Chocotravel, che pare abbia centrato in pieno il risultato, mettendo letteralmente a nudo le proprie dipendenti e creando un dibattito sul web sull'opportunità della campagna pubblicitaria pubblicata sul canale Youtube.


Il video ha superato (mentre scriviamo) il milione di visualizzazioni.
 

La pubblicità ha scatenato l'ira di diversi utenti che hanno immediatamente tacciato la pubblicità di essere sessista e degradante per l'universo femminile. Ma l'agenzia di comunicazione che segue la campagna (che evidentemente aveva già previsto tutto)  ha pubblicato il video il giorno immediatamente dopo replicando con la versione maschile della campagna: questa volta sono sette piloti di volo che con i cappelli coprono le proprie parti intime.

Il video spiega che Chocotravel permette alle persone di viaggiare senza "overpaying". Ovvero il concetto è "non dovete viaggiare nudi" per non pagare bagagli aggiuntivi. Chiaro il concetto no? 




L'AD della Chocotravel, Nikolay Mazentsev, è intervenuto su Facebook chiarendo che le immagini non volevano offendere nessuno: «Il sessismo non c'entra, abbiamo usato sia uomini che donne. Viene mostrato esattamente quello che si può vedere in qualsiasi spiaggia o in qualunque piscina». Ma i più critici sono tornati a colpire chiedendo le scuse da parte della compagnia e sottolineando che non si tratta di immagini scandalose, ma volgari. Una turbolenza che, tuttavia, ha portato alla Chocotravel parecchia visibilità.

Non è la prima volta che le compagnie aeree hanno giocato sui ruoli di genere.
Il miliardario inglese Richard Branson ci mise addirittura la faccia, vestendosi da Hostess per la Air Asia per rimediare a una scommessa persa con l'amico Tony Fernandes. Si è vestito da hostess e si è calato perfettamente nel ruolo, mostrando le misure di sicurezza prima del viaggio in aereo.





Nessun commento:

Posta un commento

LightBlog